Monte Cinto

Si dice che dal Cinto le decisioni siano piu’ facili e piu’ sagge da prendere, quindi l’ho reputato un buon posto per prenderne alcune. La cosa e’ romantica, piu’ nei pensieri che nella realta’: ad un certo punto mi sono trovato a dialogare con la mia ragazza tramite WeChat 200m sotto la vetta.

Il Monte Cinto e’ una montagna della Corsica che si trova nella regione a NW dell’isola.

FelixVonCube
Felix Von Cube, pioniere dell’alpinismo corso

La cresta su cui e’ sito ha un’estensione SO-NE (bisettrice del I e III quadrante) e si erge a N sulla valle dell’Asco e, a S, sulla regione del Niolo, ovvero la conca formata dal bacino superiore del Golo, il fiume più lungo dell’isola.
Per arrivare qui, con la bicicletta, sono partito da Ponte Leccia, usando la linea Bus Ponte Leccia – Asco – Haut Asco
15€+10€ per la bici. Sul pullman la noia arriva in fretta e passo il tempo conversando con una programmatrice thailandese di Bangkok (mi sembra fosse nel campo degli ERP), che stava raggiungendo gli amici ad Haut Asco. E pensare che io a breve avrei fatto il giro opposto…
Passando, tramite la D147, per i boschi di ginepri (ammirando i rami intricati e le foglie pungenti che formano una massa confusa) prima e quelli di larici e pini marittimi poi, in circa 1h si arriva alla meta.

Resting_Golo

Una volta salutata la progrrammer ho legato la bicicletta davanti all’Hotel Le Chalet. In ottica riduzione costi ho usato la tenda, declinando l’offerta di circa 100€ per una formula B&B.
Il campeggio era a meno di 10€ per la notte. La scelta fu ovvia: avevo una stupenda piazzola sulla riva del torrente Asco (d’inverno diventa una bellissima pista da sci, aperta negli anni ’60).

La salita inizia presto, sveglia alle 04:55. Ricordatevi, se volete campeggiare, SEMPRE il sacco a pelo. Non fate come me. La condensa sulle gambe non ti fa dormire e, a questa altitudine, la T scende a 10°C anche ad agosto. Mai avuto cosi’ freddo in vita mia.

Ecco il grafico della mia salita. GPX file

Click title to show track
Monte_Cinto